XT500 revamping: the nopossum challenge!

Manutenzione, riparazione e modifica della nostra moto

Moderatori: 115X180, Dumbut, MCXT500, vecchiato

Avatar utente
nopossum
Messaggi: 324
Iscritto il: 27/08/2009, 12:03
Località: Mirano (Ve)

14/03/2011, 21:55

Sul catalogo Kedo notavo che esistono delle camere d'aria più spesse denominate CR, più idonee ad uso fuoristradistico. (es: 61036 vs. 61036CR)
Buona idea o spesa inutile (se 1,40 euro in più possono considerarsi spesi male... ma magari per montarle è più dura...)?
nopossum
ex XT500 '81
Buba
Messaggi: 2656
Iscritto il: 03/01/2007, 23:46
Località: Firenze

14/03/2011, 22:06

Beh, direi che hai detto una boiata :mrgreen: ...
Il tamburo non si sagoma sulle vecchie ganasce, semplicemente si consuma con l' attrito di queste, mantenendo comunque la sua forma rotonda. Purtroppo il sistema con una sola camma è uno dei più inefficaci. Le ganasce si allargano soltanto in prossimità della camma e non arrivano mai a toccare con tutta la superficie sull' interno del tamburo, cosa che invece accade nel caso del freno con tamburo a doppia camma.

Buba
Buba
Messaggi: 2656
Iscritto il: 03/01/2007, 23:46
Località: Firenze

14/03/2011, 22:11

Non ci sono problemi a montare le camere d' aria più spesse. Anzi, anche in fase di montaggio, fermo restando che è sempre consigliabile montarle appena gonfiate, è più difficile "pizzicarle". In ogni caso vale la pena montarle se si fanno pietraie e mulattiere ... sicuramente non sono "indispensabili" per fare strade bianche.

Buba
115X180
Messaggi: 4421
Iscritto il: 18/04/2005, 22:57
Località: Rocca di Papa (Roma)
Contatta:

14/03/2011, 22:35

beppext ha scritto: Penso che per un miglioramento tu debba fare il trattamento di Fabrizio (mi sembra le abbia fatte ricoprire...ma lui ti spieghera' meglio).

Beppe
La Oram rettifica (spiana) la superficie del tamburo e ricopre le ganasce originali. La superficie liscia unita ad una ganascia creata "su misura" aumenta di molto le prestazioni in frenata. Li ho chiamato oggi per sincerarmi se eseguono ancora questa operazione, per fortuna la risposta è stata positiva. Dovrebbero eseguire l'operazione con il cerchio montato, forse addirittura con la gomma, ma per questi particolari è meglio sentire loro. Io inviai solo le ganasce e la misura del raggio del tamburo misurata con il calibro, la rettifica l'avevo fatta a Roma.
XT 500 '81
Socio Nr 143 dal 2005
Avatar utente
nopossum
Messaggi: 324
Iscritto il: 27/08/2009, 12:03
Località: Mirano (Ve)

15/03/2011, 7:38

Buba, Fabrizio, ri-grazie ancora!
:mrgreen:
nopossum
ex XT500 '81
Avatar utente
gl
Site Admin
Messaggi: 1553
Iscritto il: 22/04/2005, 1:14
Località: Roma

16/03/2011, 14:25

Buba ha scritto:Il tamburo non si sagoma sulle vecchie ganasce, semplicemente si consuma con l' attrito di queste, mantenendo comunque la sua forma rotonda.
Buba
Quindi significa che se non ci sono righe o solchi sulla piste dove i freni lavorano non è necessario far controllare se la rotondità si è persa?

Tempo fa mi dissero che dopo aver cambiato i raggi è buona norma farlo.
Confermi o mi hanno detto una boiata?
Gianluca
---------------------------
Yamaha XT 500 1977
Yamaha XT 500 1979
Yamaha YZ 250 2000
---------------------------
Socio n. 3 - Fondatore
Buba
Messaggi: 2656
Iscritto il: 03/01/2007, 23:46
Località: Firenze

16/03/2011, 19:24

gl ha scritto:
Buba ha scritto:Il tamburo non si sagoma sulle vecchie ganasce, semplicemente si consuma con l' attrito di queste, mantenendo comunque la sua forma rotonda.
Buba
Quindi significa che se non ci sono righe o solchi sulla piste dove i freni lavorano non è necessario far controllare se la rotondità si è persa?

Tempo fa mi dissero che dopo aver cambiato i raggi è buona norma farlo.
Confermi o mi hanno detto una boiata?
Un buon "raggiatore" controlla che non ci siano spostamenti laterali rispetto all' asse di rotazione e che i raggi siano tirati con la stessa tensione ... che insomma il cerchio non venga ovalizzato.

Buba
Avatar utente
nopossum
Messaggi: 324
Iscritto il: 27/08/2009, 12:03
Località: Mirano (Ve)

18/03/2011, 23:32

Ciao ragazzi.
Oggi ho smontato lo scarico completo, dal collettore alla marmitta.
Procederò nei prossimi giorni con un carteggio, unito ad una spazzolata più energica nelle zone con molta ruggine (fondamentalmente sono quelle non a vista), poi pulizia con diluente al nitro e spray alta temperatura.
Non riesco a smontare la difesa sul collettore (è un po' piegata volevo raddrizzarla e toglierla per verniciare bene la parte sotto): ho provato anche con il WD40 e qualche martellata con il martello di gomma, ma stanno iniziando a rovinarsi le impronte a croce delle viti. Che fare? Provo a girarle con una pinza dopo aver messo in morsa il collettore? Lascio perdere? :?
Vi posto un po' di foto della marmitta. La zona dell'espansione e dell'attacco dei due pezzi è quella messa peggio.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
nopossum
ex XT500 '81
115X180
Messaggi: 4421
Iscritto il: 18/04/2005, 22:57
Località: Rocca di Papa (Roma)
Contatta:

18/03/2011, 23:41

nopossum ha scritto:Provo a girarle con una pinza dopo aver messo in morsa il collettore? Lascio perdere? :?
Bagna bene con in WD40 e prova a dare un paio di colpi con un giravite a percussione.
Se non è mai stata smontata potrebbe avere ancora le rondelle con tenuta termica...il problema potrebbe essere dovuto a loro.
XT 500 '81
Socio Nr 143 dal 2005
chopperbin
Messaggi: 203
Iscritto il: 15/05/2010, 20:16
Località: Torino

19/03/2011, 9:45

115X180 ha scritto:
nopossum ha scritto:Provo a girarle con una pinza dopo aver messo in morsa il collettore? Lascio perdere? :?
Bagna bene con in WD40 e prova a dare un paio di colpi con un giravite a percussione.
Se non è mai stata smontata potrebbe avere ancora le rondelle con tenuta termica...il problema potrebbe essere dovuto a loro.
Anche secondo me con un giravite a percussione e molto wd 40 riesci a toglierla, io ho preso questo, in ferramenta pagato 90 euri http://cgi.ebay.it/GIRAVITE-A-PERCUSSIO ... 0290733020
Se neanche così riesci prova con un estrattore per viti, in pratica una sorta di maschio fatto a cono con filetto sinistrorso, dopo aver effettuato un foro nella vite provvedi ad avvitarlo dentro e questo arrivato alla fine del foto praticato inizia a svitare la vite.
RIDE FREE!

XT 500 '81
H-D '89
HONDA CR 250 '91
Buba
Messaggi: 2656
Iscritto il: 03/01/2007, 23:46
Località: Firenze

19/03/2011, 10:06

chopperbin ha scritto: ... Anche secondo me con un giravite a percussione e molto wd 40 riesci a toglierla, io ho preso questo, in ferramenta pagato 90 euri http://cgi.ebay.it/GIRAVITE-A-PERCUSSIO ... 0290733020 ...
Ascpide :shock: ... roba di lusso :!:
chopperbin ha scritto: ... Se neanche così riesci prova con un estrattore per viti, in pratica una sorta di maschio fatto a cono con filetto sinistrorso, dopo aver effettuato un foro nella vite provvedi ad avvitarlo dentro e questo arrivato alla fine del foto praticato inizia a svitare la vite.
... :roll: Non vorrei passare per il solito "gufo" :oops: , ma se è una questione di ruggine "profonda", puoi provare con tutto quel che vuoi ... è possibile, per non dire probabile, che la vite si rompa. Poco male, rifori con una punta di 4,8/5 e rifiletti il foro con un maschio di 6.

Buba
chopperbin
Messaggi: 203
Iscritto il: 15/05/2010, 20:16
Località: Torino

19/03/2011, 14:29

Buba ha scritto:
chopperbin ha scritto: ... Anche secondo me con un giravite a percussione e molto wd 40 riesci a toglierla, io ho preso questo, in ferramenta pagato 90 euri http://cgi.ebay.it/GIRAVITE-A-PERCUSSIO ... 0290733020 ...
Ascpide :shock: ... roba di lusso :!:

Buba

Guarda Buba ho una marea di attrezzatura in garage, ho propio di tutto:trano a colonna da 450W a 12 volicità,2 trapani, un avvitatore da 24 VOLT, pistola pneum,compressore, 2 calibri, micrometrri centesim per esterni,estrattori, 2 alzaamoto, 1 serie completa di chiavi in pollici, bussole in pollici, 2 serie complet chiavi metriche, tutte le bussole, cricchetti, 2 chiavi dinamotriche, dremmel, tester, saldatore , saldatrice,flessibile,un migliaio tra brugole viti dadi rondelle bulloni eccc, chiavi a brugolaa a T , chiavi a brugola in pollici,seghetto alternat,ecc
Detto questo sono arrivato alla conclusione che come marche di attrezzi le migliori siano USAG,BETA,TENGTOOLS e FERMECC.
Tutte le altre tipo vigor ecc mi hanno sempre dato problemi, in quanto le pagavo di meno e poi si rompevano o rompevano il pezzo , con la conseguenza del rifare la spesa con un attrezzo migliore e dover magari ricomprarmi il pezzo rotto, PERCIò MEGLIO SPENDERLI SUBITO E BENE.
RIDE FREE!

XT 500 '81
H-D '89
HONDA CR 250 '91
Buba
Messaggi: 2656
Iscritto il: 03/01/2007, 23:46
Località: Firenze

19/03/2011, 14:46

Come dice l' immancabile e saggio proverbio ... chi più spende, meno spende :!:

Buba
Avatar utente
nopossum
Messaggi: 324
Iscritto il: 27/08/2009, 12:03
Località: Mirano (Ve)

01/05/2011, 21:31

Oggi giornata dedicata alla manutenzione.
Dopo aver abbondantemente carteggiato lo scarico e le protezioni (sono finalmente riuscito a rimuovere le viti testa croce, anche se più d'una ha l'impronta rovinata -a proposito, Kedo le vende?-) e pulito il tutto con il diluente al nitro, ho dato due mani di spray nero alta temperatura.

Sono poi passato al carburatore.
Allego alcune foto con descrizione per i neofiti della manutenzione "fai da te" come il sottoscritto... Se gli esperti hanno qualche commento/correzione, fatevi avanti!
Ovviamente la base di partenza è un buon manuale tipo l'Haynes.

Smontata sella e serbatoio, staccato il tubo che porta la benzina al carburatore (dopo aver chiuso il rubinetto :wink: ), staccate i cavi dell'acceleratore (aiutatevi con una pinza a becchi) dopo averne allentato i bulloni di regolazione. Vanno infine aperte le due fascette metalliche a monte ed a valle del carburatore. Poi si passa alle due viti testa brugola (da 5) che fissano il carburatore al motore.
Fatto questo il carburatore viene via, iniziando dalla parte anteriore, cioè quella lato motore, e poi sfilandolo dalla parte posteriore, cioè quella che lo collega alla scatola del filtro.
A questo punto passiamo al banco (occhio che dentro il carburatore ci sarà ancora della benzina :roll: ).
Staccate i tubi di sfiato e quello di alimentazione e partite dalla parte superiore.
Levate le due viti che fermano il coperchio di testa e scoprite la parte superiore.
Immagine
Piegate la lamella che fa da fermo al bullone che fissa la camma al supporto dello spillo, quindi levate la vite.
Immagine
Immagine
Ora passate all'altro, quello che fissa la camma all'albero della puleggia collegata ai cavi.
Immagine
Immagine
Liberate la camma dal supporto dello spillo. Tiratelo verso l'alto (è dotato di una molla interna) e sfilate lateralmente (questa operazione non è proprio semplicissima, soprattutto quando lo rimontate :? ).
Immagine
Immagine
A questo punto il supporto dello spillo potrà essere sfilato (attenzione che dentro c'è un'asta distanziatrice che è a questo punto è libera di sfilarsi verso l'alto).
Immagine
Sfilate ora l'albero della puleggia esterna collegata ai cavi. Rimuovete la molla e recuperate la camma e le due rondelle.
Immagine
Immagine
Passate ora alla parte inferiore. Levate le quattro viti che chiudono il coperchio inferiore e staccate il coperchio dal corpo del carburatore (nel mio caso ho fatto un po' di fatica, ma mi sono aiutato con un martello di gomma, alcuni "santi" e qualche colpetto ai lati :x ).
Immagine
Immagine
Sfilate la spina pivot che tiene in posizione la coppia di galleggianti con il suo supporto, poi levate anche quelli.
Immagine
Immagine
Rimuovete il getto pilota, poi passate a quello principale, smontando prima la parte superiore (il getto), poi lo stelo forato ed infine la parte che si protende nella camera di miscelazione (per farla uscire mi sono aiutato con una piccola brugola inserita nella camera per spingerla fuori dalla stessa direzione dalla quale ho sfilato il getto e lo stelo).
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Ora non resta che smontare la leva del choche (1 vite) e il supporto della puleggia dei cavi (2 viti). Nel mio caso tutte e tre non ne hanno voluto sapere di allentarsi, per cui restano dove sono... :evil:
Non ho smontato altro, magari i più esperti mi consiglieranno...
E domani farò al carburatore un bel bagnetto in petrolio bianco! :mrgreen:

PS: grazie alla mia fotografa ufficiale preferita!
nopossum
ex XT500 '81
115X180
Messaggi: 4421
Iscritto il: 18/04/2005, 22:57
Località: Rocca di Papa (Roma)
Contatta:

01/05/2011, 21:53

Belle foto ed ottima descrizione...buon bagno nel petrolio bianco. :wink:
XT 500 '81
Socio Nr 143 dal 2005
Avatar utente
nixt
Messaggi: 330
Iscritto il: 04/04/2009, 14:42
Località: ROMA

02/05/2011, 14:17

nopossum ha scritto:Dopo aver abbondantemente carteggiato lo scarico e le protezioni (sono finalmente riuscito a rimuovere le viti testa croce, anche se più d'una ha l'impronta rovinata -a proposito, Kedo le vende?-) e pulito il tutto con il diluente al nitro, ho dato due mani di spray nero alta temperatura.
Anch'io dovrei rifare lo scarico, visto che ha iniziato a venir fuori un lieve strato superficiale di ruggine.
In realtà da profano avevo sempre pensato alla soluzione sabbiatura + spray termico, ma l'idea di farmelo da solo con carteggio mi sembra molto + economica.
Immagino il carteggio sia da fare a mano, oppure si può usare levigatrice, trapano con disco o altro?
che tipo di carta e che grana è consigliabile usare?
grazie in anticipo
Immagine Immagine Immagine

socio n°400
115X180
Messaggi: 4421
Iscritto il: 18/04/2005, 22:57
Località: Rocca di Papa (Roma)
Contatta:

02/05/2011, 15:32

Niccolò se con il trapano non sei pratico fai dei crateri, a questo punto è meglio una sabbiata data a mestiere da chi lo sa fare.
Il discorso del carteggio home made è valido se la ruggine è superficiale, e comunque a mio avviso non verrebbe mai un lavoro fatto bene perchè sia il collettore che la marmitta presentano dei posti scomodi da carteggiare e da li la ruzza torna a fiorire in un battibaleno.
Meglio una sabbiata, 1°mano di termica, una scaldata sia per indurire la vernice e per appurare che la sabbiatura abbia creato danni (cosa a me capitata e brillantemente risolta) e solo a questo punto la 2°mano di termica.
XT 500 '81
Socio Nr 143 dal 2005
Avatar utente
nopossum
Messaggi: 324
Iscritto il: 27/08/2009, 12:03
Località: Mirano (Ve)

03/05/2011, 9:38

Ciao a tutti.
La mia bella manca della cinghia sulla sella e dei relativi attacchi e bulloni. (modello 1981)
Ho visto che il tutto dovrebbe essere disponibile da Kedo, anche se non avendola mai vista montata ho dei dubbi sugli attacchi e sul numero di bulloni.
Mi date una conferma ai codici prima che mandi via l'ordine?
Cinghia - 27260RP
Attacchi - 10085 RP (2x)
Bulloni - 10046 (4x??)

Grazie a tutti :D
nopossum
ex XT500 '81
Buba
Messaggi: 2656
Iscritto il: 03/01/2007, 23:46
Località: Firenze

03/05/2011, 19:38

La cingia va bene (è già completa con gli attacchi rivettati). L' "attacco" che indichi, non c' entra un fico secco con la cinghia della sella, ma è la staffa anteriore che va sotto la stessa, per l' XT 500 dal 1.980 in poi. Infine, i bulloni necessari per la cinghia sono 2. In normale acciaio cod. 10046 o cromati 10046CR.

Buba
Avatar utente
nopossum
Messaggi: 324
Iscritto il: 27/08/2009, 12:03
Località: Mirano (Ve)

02/06/2011, 12:08

Sto tentando da un'ora di smontare il paramotore. Uno dei bulloni ruota a vuoto, ma non ne vuole sapere di uscire. Infilando la mano tra il paramotore e la coppa posso sentirlo ruotare, ma anche tirandolo e ruotandolo con una pinza non ne vuole sapere di uscire.
Sinceramente non capisco perché non venga fuori, accetto suggerimenti su cosa fare. :shock:
nopossum
ex XT500 '81
Buba
Messaggi: 2656
Iscritto il: 03/01/2007, 23:46
Località: Firenze

02/06/2011, 12:58

La filettatura sul telaio è partita ... mi sa che ti conviene forare con una punta di 5,0 ...

Buba
Avatar utente
nopossum
Messaggi: 324
Iscritto il: 27/08/2009, 12:03
Località: Mirano (Ve)

02/06/2011, 15:38

Buba ha scritto:La filettatura sul telaio è partita ... mi sa che ti conviene forare con una punta di 5,0 ...

Buba
Grazie.
Comunque la forza bruta ha prevalso.... Maronn' che fatica!
Ma son soddisfazioni!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
nopossum
ex XT500 '81
Avatar utente
nopossum
Messaggi: 324
Iscritto il: 27/08/2009, 12:03
Località: Mirano (Ve)

05/06/2011, 21:53

Un piccolo breviario per smontare il parafango posteriore per chi è imbranato (come me).

Primo step è lo scollegamento elettrico. Ci sono 5 fili (freccia dx, freccia sx, luce targa, stop, posizione) con relativi faston.
Immagine
Io ho deciso di " marcarli" onde evitare casini. I diverso colori dovrebbero comunque aiutare a non sbagliare.
Immagine
Il parafango è fissato al telaietto posteriore da 4 bulloni; i due posteriori fanno anche da supporto alle frecce (e allo scarico sulla destra).
Una volta tolti, il parafango viene via con tutto il faro e il portatarga.
Ora va rimosso l'assieme faro-portatarga, fissato con tre bulloni, e la guaina con i tre fili che passa nella parte inferiore, protetta da delle lamelle di lamiera.
Immagine
Alzate le lamelle, poi spingete le guarnizioni in gomma che si trovano alle due estremità da sopra verso sotto ed il gioco è fatto.
Immagine
Non resta che rimuovere i gommini che si trovano negli alloggiamenti dei 4 bulloni di fissaggio del parafango, due più piccoli (anteriori) e due più grandi (posteriori).
Immagine
Sfilate dapprima la boccola
Immagine
poi il gommino, da dentro verso fuori
Immagine
Io i due anteriori li ho lasciati in sede, a parte le boccole.
A questo punto il parafango è pronto per "lo sverniciatore" :twisted:
nopossum
ex XT500 '81
chopperbin
Messaggi: 203
Iscritto il: 15/05/2010, 20:16
Località: Torino

05/06/2011, 22:07

DAi Nopo, io oggi l'ho messa in moto per la prima volta dopo il restauro, continua così.
Complimenti anche per le spiegazioni che dai.
RIDE FREE!

XT 500 '81
H-D '89
HONDA CR 250 '91
Buba
Messaggi: 2656
Iscritto il: 03/01/2007, 23:46
Località: Firenze

05/06/2011, 22:25

... I diversi colori dei fili servono proprio per non sbagliare ... riguardo i gommini, se sul parafango devi usare lo sverniciatore, è meglio toglierli tutti. A maggior ragione quelli anteriori, che essendo in "due pezzi", senza boccola rischiano di andare a finire chissà dove.

Buba
Rispondi